giovedì 13 aprile 2017

Nostalgia...





“Ci sono molte cose
che si sono perdute
e sono rimaste indietro
ma di cui non proviamo nostalgia.

La nostalgia nasce
quando esistono amore e assenza.

Quando le cose destano nostalgia
e fanno germogliare nel cuore
la memoria dell’amore
e il desiderio del ritorno,
sono dei sacramenti,
come segni visibili di un’assenza.

Dio abita la nostalgia,
là dove sono riuniti
l’amore e l’assenza.”

(Rubem Alves)

martedì 7 marzo 2017

Incanto...

 
 
 
L’incanto questa cosa inutile ed indispensabile

come il pane: da nobis hodie incantum quotidianum.
 
 Giò Ponti
 

 


 

mercoledì 22 febbraio 2017

Pienezza...





L’unica cosa che so è la poesia:
grandinata inattesa che devasta
mattanza di balene – mare rosso –
sillabe-fiocine per spiaggiare l’abitudine
felci in rivolta alle frontiere dei villaggi.


Francesco Benozzo


 

mercoledì 8 febbraio 2017

Trova il tempo....

Trova il tempo

Trova il tempo di pensare
Trova il tempo di pregare
Trova il tempo di ridere
È la fonte del potere
È il più grande potere sulla Terra
È la musica dell’anima.

Trova il tempo per giocare
Trova il tempo per amare ed essere amato
Trova il tempo di dare
È il segreto dell’eterna giovinezza
È il privilegio dato da Dio
La giornata è troppo corta per essere egoisti.

Trova il tempo di leggere
Trova il tempo di essere amico
Trova il tempo di lavorare
E’ la fonte della saggezza
E’ la strada della felicità
E’ il prezzo del successo.

Trova il tempo di fare la carità
E’ la chiave del Paradiso.


(Iscrizione trovata sul muro
della Casa dei Bambini di Calcutta.)


Madre Teresa di Calcutta

mercoledì 1 febbraio 2017

Mandala...






Nel bel mezzo dell'odio, ho trovato che c'era, dentro di me, un invincibile amore.
Nel bel mezzo delle lacrime, ho trovato che c'era, dentro di me, un invincibile sorriso.
Nel bel mezzo del caos, ho trovato che c'era, dentro di me, un'invincibile calma.
Nel bel mezzo dell'inverno, ho infine imparato che vi era in me un'invincibile estate.
 


Albert Camus


 

Mirabilia...

 


 
La fiera dei miracoli

Un miracolo comune:
l’accadere di molti miracoli comuni.
Un miracolo normale:
l’abbaiare di cani invisibili
nel silenzio della notte.
Un miracolo fra tanti:
una piccola nuvola svolazzante,
che riesce a nascondere una grande pesante luna.
Più miracoli in uno:
un ontano riflesso sull’acqua
e che sia girato da destra a sinistra,
e che cresca con la chioma in giù,
e non raggiunga affatto il fondo
benché l’acqua sia poco profonda.
Un miracolo all’ordine del giorno:
venti abbastanza deboli e moderati,
impetuosi durante le tempeste.
Un miracolo alla buona:
le mucche sono mucche.
Un altro non peggiore:
proprio questo frutteto
proprio da questo nocciolo.
Un miracolo senza frac nero e cilindro:
bianchi colombi che si alzano in volo.
Un miracolo – e come chiamarlo altrimenti:
oggi il sole è sorto alle 3,14 e tramonterà alle 20.01.
Un miracolo che non stupisce quanto dovrebbe:
la mano ha in verità meno di sei dita, però più di quattro.
Un miracolo, basta guardarsi intorno: il mondo onnipresente.
Un miracolo supplementare, come ogni cosa:
l’inimmaginabile è immaginabile.

Wislawa Szymborska